HTTP/3 Server push

La modalita "server push" di HTTP/3 è tutto sommato simile a quanto descritto per HTTP/2 nella (RFC 7540 ) pur usando meccanismi diversi.

Una "server push" è a tutti gli effetti la risposta ad una richiesta che il client in realtà non ha mai inviato !

Le "server push" sono difatti autorizzate solamente in caso il client abbia deciso di accettarle. In HTTP/3 il client imposta addirittura un limite al numero massimo di risposte push che è disposto ad accettare, comunicando al server l'ID di fluso più alto che sarà disposto a trattare. Se il server dovesse tentare di inviare flussi al di sopra dell'ID indicato, ciò provocherebbe un errore di connessione.

Se il server dovesse pensare che il client possa aver bisogno di una determinata risorsa -risorsa comunque ritenuta necessaria- potrebbe volergli inviare un frame detto PUSH_PROMISE (all'interno dello stesso flusso della richiesta) contenente le coordinate della richiesta per la risorsa in questione ed in seguito inviare la risposta all'interno di un nuovo flusso.

Anche nel momento in cui le "server push" dovessero essere ritenute credibili da parte del client, ognuna delle singole "push" può essere annullata ad ogni momento se il client dovesse in qualche modo ritenerlo necessario. In tal caso invierebbe un frame CANCEL_PUSH al server.

Problematiche

Questa caratteristica è stata messa in discussione, criticata e rigirata sin dal primo momento, sia durante lo sviluppo di HTTP/2 sia dopo la sua pubblicazione e impiego su larga scala, tentando di renderla utilizzabile.

Un invio in "push" non è mai gratis, benchè utilizzi solo metà del tempo di round-trip, occupa banda passante. E' spesso difficile -impossibile- dal punto di vista del server stabilire con certezza se una determinata risorsa possa necessitare (beneficiare) del "push" o meno.

results matching ""

    No results matching ""