Flussi QUIC e HTTP/3

HTTP/2 è stato costretto a concepire il proprio schema di flussi e multiplexing basandosi su TCP, mentre HTTP/3 è studiato per lavorare con QUIC e quindi trae massimo vantaggio dall'utilizzo degli streams.

Le richieste HTTP veicolate su HTTP/3 sfruttano un set di flussi specifico.

Frames HTTP/3

Dialogare in HTTP/3 implica l'attivazione di un flusso QUIC e l'invio di una serie di frames all'altro capo della connessione. Esistono al momento (alle 9 del 18 Dicembre 2018) una serie abbastanza limitata di frames predefiniti in HTTP/3. I più rilevanti sono seza dubbio:

  • HEADERS, si occupano di comprimere e spedire le intestazioni
  • DATA, tratta l'invio di dati binarii
  • GOAWAY, pregasi terminare la connessione

Richiesta HTTP

Il client invia la propria richiesta HTTP su un flusso QUIC bidirezionale iniziato dal client.

Una richiesta consiste di un singolo frame HEADERS e può essere seguita da uno o due frames aggiuntivi: una serie di frames DATA ed eventualmente un frame finale contenente gli HEADERS di coda.

Dopo aver spedito la propria richiesta, il client termina il flusso in uscita.

Risposta HTTP

Il server replica spedendo la risposta HTTP sullo stream bidirezionale. Un frame HEADERS, una serie di DATA ed eventualmente un frame HEADERS di coda.

Intestazioni QPACK

I frames HEADERS contengono le intestazioni HTTP compresse con l'algoritmo QPACK. QPACK risulta simile al vecchio HPACK utilizzato in HTTP/2 (RFC 7541 ), benchè modificato per consegnare i differenti flussi in modalità "disordinata" (out-of-order).

QPACK si avvale di due streams QUIC unidirezionali fra i due estremi della connessione. Tali streams sono utilizzati per trasportare la tabella dinamica di compressione nelle due direzioni opposte.

results matching ""

    No results matching ""