Ossificazione

Internet è una rete fatta di reti. In diversi punti del mondo -sulla rotta fra le varie reti interconnesse- sono installati dispositivi che assicurano il buon instradamento e funzionamento della rete. Questi dispositivi -i varii componenti distribuiti della rete- sono comunemente chiamati "middle-boxes". Scatole che semplicemente si trovano in mezzo al percorso fra i due end-points e che a loro volta sono coinvolte nel trasferimento dati via rete.

Questi apparecchi servono molteplici funzioni ma limitiamoci semplicemente a concludere che se qualcuno li ha installati in tali specifici punti della rete, avrà sicuramente avuto i suoi buoni motivi.

Tali "middle-boxes" instradano i pacchetti IP fra le differenti reti globali, bloccano il traffico maligno, si occupano di tradurre gli indirizzi di rete (NAT - Network Address Translation), aumentano le prestazioni, tentano in certi casi di spiare il traffico passante, ed altro ancora.

Al fine di espletare i propri compiti, questi dispositivi devono avere conoscenza di "networking" e dei protocolli oggetto del traffico stesso. Appositi software sono sviluppati allo scopo, software che tuttavia non ricevono aggiornamenti troppo frequenti.

A parte essere ovviamente i "collanti" che tengono insieme Internet, questi dispositivi al cuore della rete non sono mai altrettanto avanzati in termini di tecnologia quanto quelli agli estremi della rete, ossia clients e servers.

Tutti protocolli di rete che queste macchine potrebbero voler ispezionare e di cui potrebbero voler decidere la sorte in base a origine o contenuto, subiscono questo problema: tali macchine sono state installate in conformità con le opzioni di protocollo disponibili all'epoca e non sono flessibili. Aggiunte o modifiche del comportamento non note in precedenza potrebbero fare si che il dispositivo interpreti in maniera non corretta il pacchetto, scartandolo per malformazione o contenuto ritenuto erroneamente illecito. Tale traffico subirebbe rallentamenti o drop improvvisi al punto da rendere tali nuove opzioni di protocollo indesiderabili da un punto di vista utente.

Siamo di fronte a ciò che possiamo definire "ossificazione del protocollo".

Anche le modifiche al TCP soffrono di ossificazione: alcune delle nuove opzioni TCP sono interpretate e bloccate in quanto sconosciute ai più. Se viene permesso al dispositivo di ispezionare in dettaglio il protocollo, il sistema tederà a definire pattern standard di comportamento per un determinato protocollo e nel tempo diventerà difficile se non appunto impossibile modificare tali assunzioni.

La sola vera ed efficace strategia per il contrasto della "ossificazione" è utilizzare in maniera estensiva la cifratura, cosi da impedire ai box intermedi di desumere (distinguere) quale protocollo stia passando sotto il loro ponte.

results matching ""

    No results matching ""